Valeria Verbaro

Classe 1993, sono praticamente cresciuta tra Il Principe di Bel Air e le Gilmore Girls e, mentre sognavo di essere fresh come Will Smith, sono sempre stata più una timida Rory con il naso sempre fra i libri. La letteratura è il mio primo amore e il cinema quello eterno, ma la serialità televisiva è la mia ossessione. Con due lauree umanistiche, bistrattate da tutti ma a me molto care, ho imparato a reinterpretare i prodotti della nostra cultura e a spezzarne la centralità dominante attraverso gli strumenti forniti dai Cultural Studies.

Cha Cha Real Smooth | Crescere con il cuore spezzato

Recensione di "Cha Cha Real Smooth" opera seconda del giovane regista e interprete Cooper Raiff

Con Lightyear la Pixar riparte dal via per cambiare per sempre

Recensione di Lightyear - La vera storia di Buzz, film di Angus McLane in sala dal 15 giugno

Le otto montagne di Charlotte Vandermeersch e Felix Van Groeningen | Recensione

Recensione di "Le otto montagne" film di Felix Van Groeningen, Charlotte Vandermeersch in concorso a Cannes 2022

Finalmente Stranger Things fa paura | Quarta stagione Vol.1

Recensione del Volume 1 della quarta stagione di Stranger Things, serie Netflix che arriva al compimento della sua maturità horror

Vittorio Gassman, il centenario | La mostra dedicata al grande attore

La voce di Vittorio Gassman che racconta il mestiere dell'attore è la prima cosa che vi accoglie entrando negli oltre 1000 metri quadrati di spazio espositivo dell'Auditorium Parco della Musica. La sua...

Atlantis – Premonizioni di guerra

Recensione di "Atlantis", film di Valentyn Vasyanovych sulla guerra in Ucraina, vincitore di Orizzonti a Venezia76

«La luce non veda i miei oscuri e segreti desideri» | Macbeth di Joel Coen

Recensione di "The Tragedy of Macbeth", adattamento, diretto da Joel Coen, della tragedia scozzese di William Shakespeare

The Lost Daughter e il tormento dell’essere madre

Recensione di "The Lost Daughter", esordio alla regia di Maggie Gyllenhaal, candato a tre premi Oscar, con Olivia Colman

Valeria Verbaro

Classe 1993, sono praticamente cresciuta tra Il Principe di Bel Air e le Gilmore Girls e, mentre sognavo di essere fresh come Will Smith, sono sempre stata più una timida Rory con il naso sempre fra i libri. La letteratura è il mio primo amore e il cinema quello eterno, ma la serialità televisiva è la mia ossessione. Con due lauree umanistiche, bistrattate da tutti ma a me molto care, ho imparato a reinterpretare i prodotti della nostra cultura e a spezzarne la centralità dominante attraverso gli strumenti forniti dai Cultural Studies.