Valeria Verbaro

Classe 1993, sono praticamente cresciuta tra Il Principe di Bel Air e le Gilmore Girls e, mentre sognavo di essere fresh come Will Smith, sono sempre stata più una timida Rory con il naso sempre fra i libri. La letteratura è il mio primo amore e il cinema quello eterno, ma la serialità televisiva è la mia ossessione. Con due lauree umanistiche, bistrattate da tutti ma a me molto care, ho imparato a reinterpretare i prodotti della nostra cultura e a spezzarne la centralità dominante attraverso gli strumenti forniti dai Cultural Studies.

Autumn Beat. L’idea c’è ma non basta | Pro e contro dell’esordio di Antonio Dikele Distefano

Pro e contro di "Autumn Beat", debutto alla regia dello scrittore Antonio Dikele Distefano

Rileggere il Canto di Natale con Will Ferrell e Ryan Reynolds

Il classico Canto di Natale di Dickens rivive in una nuova e divertente forma targata Apple, con Will Ferrell e Ryan Reynolds: "Spirited"

Taxi Driver | L’esplosione indimenticabile del mito di Martin Scorsese

Palma d'oro nel 1976, "Taxi Driver" è il primo grande successo internazionale di Martin Scorsese. Un cult da conoscere a memoria

Wendell & Wild, l’avventura fra i demoni di Henry Selick e Jordan Peele

La scrittura rigorosa di Jordan Peele incontra il maestro della stop motion Henry Selick in "Wendell & Wild", su Netflix

Il piacere è tutto mio: un desiderio non è mai banale

"Il piacere è tutto mio" (Good Luck to You, Leo Grande) è la commedia di Sophie Hyde con Emma Thompson e Daryl McCormack

«Bastano una buona ragione e una giornata storta»: Inside Man e l’esplorazione dell’azione omicida

"Inside Man" è la miniserie BBC in 4 episodi di Steven Moffat con David Tennant e Stanley Tucci. Disponibile su Netflix

Amsterdam: il chiassoso e magnetico film di star di David O. Russell

"Amsterdam" di David O. Russell è un film sorprendentemente politico, disordinato ma esteticamente incantevole (e pieno di star)

Louis Armstrong’s Black & Blues: un documentario per riscoprire Pops

"Louis Armstrong's Black & Blues" racconta la figura del celebre trombettista al di là della maschera sorridente che ricordiamo

Valeria Verbaro

Classe 1993, sono praticamente cresciuta tra Il Principe di Bel Air e le Gilmore Girls e, mentre sognavo di essere fresh come Will Smith, sono sempre stata più una timida Rory con il naso sempre fra i libri. La letteratura è il mio primo amore e il cinema quello eterno, ma la serialità televisiva è la mia ossessione. Con due lauree umanistiche, bistrattate da tutti ma a me molto care, ho imparato a reinterpretare i prodotti della nostra cultura e a spezzarne la centralità dominante attraverso gli strumenti forniti dai Cultural Studies.