Triangle of Sadness Image Credit : Fredrik-Wenzel ©Plattform

La settantacinquesima edizione del Festival di Cannes ha segnato il tanto agognato ritorno alla normalità dopo due anni di pandemia. Sulla Croisette affollatissima hanno sfilato i primi grandi nomi della prossima stagione cinematografica, da Cronenberg a James Gray, dai Fratelli Dardenne a Claire Denis. E ben quattro – cinque se si conta anche la Quinzaine – film italiani, tra cui lo stupendo adattamento del Premio Strega Le otto montagne.

La Giuria, presieduta da Vincent Lindon, si è però spaccata, al punto da premiare ben due ex aequo. Scopriamo dunque i premi del Concorso Ufficiale di questa edizione:

Palma d’oro al miglior film

TRIANGLE OF SADNESS di Ruben Östlund, [in copertina] commedia dark ambientata su una nave da crociera extra-lusso.

Grand Prix Speciale della Giuria

Premio per il film che mostra maggiore originalità o spirito di ricerca, quest’anno assegnato ex-aequo a CLOSE di Lukas Dhont e STARS AT NOON di Claire Denis.

Prix d’interprétation masculine (miglior attore)

Assegnato a SONG KANG-HO per BROKER di Kore-da Hirokazu. Primo film in lingua coreana per il regista giapponese, che racconta la storia di un “autoproclamatosi broker di buone azioni” che intende trovare una famiglia a un neonato abbandonato.

Prix d’interprétation féminine (migliore attrice)

Assegnato a ZAR AMIR EBRAHIMI per HOLY SPIDER di Ali Abbasi. Un solidissimo thriller ambientato nelle notti Mashhad, dove la giornalista interpretata da Zar Amir Ebrahimi è sulle tracce di un serial killer che vuole purificare la città dai peccati.

Prix de la mise en scène (miglior regia)

Assegnato a PARK CHAN-WOOK per DECISION TO LEAVE, un murder mystery in cui il detective si innamora della vedova principale indiziata.

Prix du scénario (miglior sceneggiatura)

Assegnato a TARIK SALEH per BOY FROM HEAVEN (Walad min al janna). Un thriller basato sui giochi di potere e ambientato nel mondo islamico sunnita durante la transizione della carica religiosa più importante del Cairo.

Premio della giuria

Un ex-aequo inaspettato e – lo possiamo dire – orgogliosamente italiano, per LE OTTO MONTAGNE di Charlotte Vandermeersch e Felix Van Groeningen e EO di Jerzy Skolimowsky. Sono infatti entrambe co-produzioni italiane.

Premio speciale Cannes75

Assegnato ai Fratelli Dardenne per il film TORI ET LOKITA, storia di due immigrati del Camerun, l’undicenne Tori e la sedicenne Lokita, che vivono di espedienti in Belgio, spacciandosi per fratello e sorella.

Inoltre, tra i premi trasversali a tutte le sezioni ricordiamo:

  • La Caméra d’or (migliore opera prima), assegnata a WAR PONY di Riley Keough e Gina Gammel (USA/UK), racconto di formazione in una riserva indiana nel South Dakota.
  • La Queer Palm (al miglior lungometraggio a tematica LGBTQ+), assegnata a JOYLAND di Saim Sadiq.

Quale film attendete di più? Continuate a seguire FRAMED per approfondimenti sui titoli in concorso quest’anno. Siamo anche su FacebookInstagram e Telegram.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui