Written by 12:55 News • One Comment

Geco – l’avventura di un writer

geco-roma-web

Scoperta l’identità del writer più ricercato d’Europa: la vicenda è come un albo di Diabolik in cui noi sentiamo di dover tifare per l’uomo nell’ombra

Parlarne o non parlarne, di un trentenne che lascia la sua firma in giro per il mondo, che viene denunciato e rischia grosso? Avendo la possibilità di dire la nostra, ne parliamo.

Se fosse una serie Netflix sarebbe meglio di Narcos

Centinaia di bombolette spray, migliaia di adesivi, funi, estintori, corde, lucchetti, sei telefoni cellulari, computer,…

Pubblicato da Virginia Raggi su Lunedì 9 novembre 2020

Geco ha lasciato il suo nome in tutta Europa, ma la città su cui ci concentriamo è Roma, in cui risiedono le nostre origini. Le parole del sindaco Raggi descrivono le gesta di un malvivente da accalappiare, con toni da poliziesco di serie Z e manie di potere che ci fanno sorridere di fronte agli scatoloni di bombolette e adesivi.

Nella notte tra sabato e domenica scorsi l’appartamento di Lorenzo Perris nel quartiere di San Lorenzo è stato perquisito e “ripulito” da ogni arma potenziale: dalle funi e i colori al computer e il cellulare. Perris/Geco è ricercatissimo da tempo, ha danni a suo carico che sono probabilmente milionari, e ora attende un verdetto che lo definisca ufficialmente un criminale.

Non facciamo parte de “L’Associazione per Villa Pamphili” che lo ha denunciato, non abbiamo votato il sindaco Raggi quando fu il suo momento, ma soprattutto, in questo momento storico e in un momento così delicato per la sopravvivenza cittadina ci chiediamo: perché?

Le “priorità” luccicanti pubblicate a caratteri cubitali per mettere a tacere le vere emergenze hanno un esito fortemente parodistico, ed è uno spettacolo di arte varia ma non di quelli che ci piace recensire.

Quando GECO ti accoglie in città

Quando si viaggia lungo l’autostrada diretti a Roma, sono le firme di Geco che ci accolgono, o mangiando un gelato a Piazza Tuscolo, d’estate, sulle panchine di pietra. Geco è il messaggio che sovrasta le mura del mercato Metronio.

Quello che per noi è il conforto di appartenere alla città, agli edifici, alle strade, per altri è l’emergenza e il decoro, una favola da raccontarsi per uscire in prima pagina sui giornali per aver portato a termine almeno un obiettivo. Vogliamo parlare di arte? Forse, “arte” underground e identità marcata, presente ad ogni passo come un memento urbano. Le storie di criminali e intrighi pericolosi preferiamo vedercele in streaming. Noi siamo con Geco.

Continuate a seguirci su FRAMED.

(Visited 100 times, 1 visits today)
Tag:, , , , , Last modified: 17 Novembre 2020
Close