Pro-memoria. ERT

La memoria come torre di guardia incrollabile affinchè certi orrori non si avverino mai più. Emilia Romagna Teatro Fondazione propone diversi appuntamenti in streaming per celebrare il Giorno della Memoria, mettendo gli strumenti del teatro a servizio di diversi formati.

Modena, Bologna, Cesena, Vignola e Castelfranco Emilia, insieme le città del sistema ERT, hanno realizzato contributi diversi e speciali fruibili sul sito della fondazione. Ho avuto il piacere di seguire i due eventi della giornata di ieri.

L’esile filo della memoria. Ravensbrück 1945, un drammatico ritorno alla libertà – Bologna


Nel 1945 la staffetta partigiana Lidia Beccaria Rolfi, deportata politica a Ravensbrück, viene liberata dagli Alleati. Affronta così il lungo e difficile viaggio di ritorno a casa dal campo di prigionia tedesco. La sua Mondovì appare come un miraggio nelle sue parole, trasformate in voci vibranti nel podcast audio interpretato dagli attori della compagnia permanente di ERT

Lidia Beccaria Rolfi

L’esile filo della memoria. Ravensbrück 1945, un drammatico ritorno alla libertà è un romanzo, una testimonianza, il racconto intimo di una donna fiera e impavida che descrive passo dopo passo, incontro dopo incontro, un momento cruciale del destino e della memoria collettiva di una generazione.

Cartoline da Auschwitz – Modena

Otto voci narranti intervallate da brevi flash di parole e animazioni grafiche astratte sono invece protagonisti di Cartoline da Auschwitz, realizzato in collaborazione con il Comune e con l’Istituto Storico di Modena.

Compagnia permanente di ERT.
Foto di Riccardo Frati

La paternità del volume dal quale vengono tratti i testi è di Roberto Franchini. Lo scrittore racconta impressioni e suggestioni nate dalla visita guidata al campo di concentramento di Auschwitz.

Le immagini delle cartoline, pensate per condividere luoghi e ricordi con chi rimane a casa, sono le grandi assenti del libro. Franchini vi rinuncia per dare totale importanza alle parole che, per la crudezza dei contenuti, sono ampiamente sufficienti a descrivere le atrocità del feroce sterminio nazista che permangono in quel luogo così terribilmente simbolico.

Gli appuntamenti per il Giorno della Memoria di ERT continuano a Vignola, Castelfranco Emilia e Cesena con diverse iniziative. Maggiori informazioni sul sito www.emiliaromagnateatro.com

Continua a seguire il teatro con FRAMED anche su Facebook Instagram.

Nata nella terra dove il fuoco dell’Etna incontra il limpido Mar Mediterraneo, l’arte è da sempre la mia passione, in tutte le sue declinazioni. Da piccola mi piaceva leggere, guardare film di ogni genere, scrivere racconti e poesie, girare per musei, ma è solo varcando per la prima volta la porta di un teatro che ho capito la mia vocazione. “Crescendo e cercando”, ho scelto di frequentare il corso di laurea in scienze della comunicazione. Nel frattempo il teatro mi ha nutrito e ha occupato tutto il mio tempo libero. Decisi di fruirne a 360 gradi, non solo “facendolo” studiando in un’accademia e portando in giro per l’Italia spettacoli con diverse compagnie, ma anche vedendolo, vivendolo da spettatrice e, con il tempo, da redattrice. Finita la triennale non ebbi dubbi: emigrai in quel di Bologna per specializzarmi al Dams e iniziai a collaborare con diverse testate giornalistiche, venendo ospitata in vari festival e convegni. L’arte cambia con la società e ci si specchia dentro. Il teatro ne coglie gli umori, e li trasferisce al pubblico nel celeberrimo qui e ora che non teme (perché non ha) paragoni con nient’altro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui