“Ricomincio da Rai 3”. Il teatro torna in prima serata

Un nuovo format di quattro puntate in prima serata per fotografare l’eterogeneo panorama teatrale e farlo scoprire al grande pubblico. Con Ricomincio da Rai 3 il teatro torna in tv. Da un’idea di Felice Cappa, Stefano Massini e Massimo Romeo Piparo, il programma, registrato al Teatro Sistina di Roma, andrà in onda il sabato sera (12, 19, 27 dicembre e 3 gennaio).

Pensato per sostenere e dare la possibilità di esibirsi ad alcune delle moltissime realtà dello spettacolo dal vivo bloccato dalla pandemia, il programma sarà condotto da Andrea Delogu e Stefano Massini. L’idea del direttore artistico Massimo Romeo Piparo è quella di creare una sorta di gigantesco cartellone nazionale mai rappresentato prima d’ora.

Prosa, musical, danza, varietà, commedia, monologhi, ma anche ensemble e cast di eccellenze artistiche italiane che rappresentano centinaia di migliaia di lavoratori del settore e che di solito non appaiono in televisione.

Molti rappresentanti del mondo teatrale, ma non solo, hanno aderito immediatamente ed entusiasticamente a questo richiamo. Chi portando un estratto dello spettacolo interrotto, chi regalando le prove del prossimo, chi creando qualcosa ad hoc, e chi, semplicemente, venendo a raccontare e raccontarsi.

Gli artisti della prima puntata sono Alessio Boni, Valentina LodoviniMarta CuscunàMarco PaoliniVinicio Marchioni e Francesco MontanariEmma DanteVirgilio SieniGlauco Mauri e Roberto Sturno, Tullio Solenghi e Massimo Lopez e il cast di Full Monty il musical (Luca Ward, Paolo Conticini, Nicolas Vaporidis, Gianni Fantoni e Jonis Bascir).

Continua a seguire FRAMED, siamo anche su Facebook Instagram.

Nata nella terra dove il fuoco dell’Etna incontra il limpido Mar Mediterraneo, l’arte è da sempre la mia passione, in tutte le sue declinazioni. Da piccola mi piaceva leggere, guardare film di ogni genere, scrivere racconti e poesie, girare per musei, ma è solo varcando per la prima volta la porta di un teatro che ho capito la mia vocazione. “Crescendo e cercando”, ho scelto di frequentare il corso di laurea in scienze della comunicazione. Nel frattempo il teatro mi ha nutrito e ha occupato tutto il mio tempo libero. Decisi di fruirne a 360 gradi, non solo “facendolo” studiando in un’accademia e portando in giro per l’Italia spettacoli con diverse compagnie, ma anche vedendolo, vivendolo da spettatrice e, con il tempo, da redattrice. Finita la triennale non ebbi dubbi: emigrai in quel di Bologna per specializzarmi al Dams e iniziai a collaborare con diverse testate giornalistiche, venendo ospitata in vari festival e convegni. L’arte cambia con la società e ci si specchia dentro. Il teatro ne coglie gli umori, e li trasferisce al pubblico nel celeberrimo qui e ora che non teme (perché non ha) paragoni con nient’altro.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version