Written by 10:00 News • One Comment

“The Midnight Sky”, il film di Clooney per Netflix

George Clooney, The Midnight Sky, Netflix 2020 - credits: web

Arriverà su Netflix il 23 dicembre, in tempo per Natale, The Midnight Sky, nuovo film di George Clooney nelle vesti di regista e protagonista. Sarà il settimo film del divo dietro la macchina da presa e il primo, ovviamente, per il colosso dello streaming.

The Midnight Sky è l’adattamento del romanzo d’esordio di Lily Brooks-Dalton, Good morning, midnight (2016), edito in italiano con il titolo La distanza tra le stelle (2017). Si tratta di un romanzo di fantascienza, a cui dalle prime immagini sembra che Clooney abbia dato anche un’atmosfera da thriller. Nella sua versione su carta è la storia di Augustine, uno scienziato di 78 anni che ha deciso di morire in isolamento, in una base del Circolo polare artico. È solo, tuttavia, perché i colleghi hanno abbandonato quella stessa base in seguito a un allarme nucleare. L’esplosione è inevitabile e Augustine rimane l’ultimo sopravvissuto sulla Terra, fino a quando non scopre una misteriosa bambina, Iris.

Contemporaneamente anche Sully (Felicity Jones), un’astronauta in missione su Giove, e tutto il suo equipaggio sono sopravvissuti all’esplosione. Nessuno però è in grado di assistere e coordinare il loro rientro sulla Terra. L’unico, ancora vivo, che può farlo è appunto Augustine. Le due esistenze solitarie di Augustine e Sully sono dunque destinate a incontrarsi.

The Midnight Sky, l’adattamento per il cinema

Naturalmente l’adattamento cinematografico risente di alcune modifiche, prima fra tutte l’età del protagonista, non più così anziano, per adattarsi alla figura di Clooney. Quel che possiamo trarre dal trailer, inoltre, è che la sceneggiatura di Mark L. Smith si focalizza sull’aspetto eroico della missione. Sull’umanità che resiste: our humanity always endures. Il romanzo verte sulla costruzione del rapporto fra Augustine e Sully. Il trailer sembra invece eliminare questa componente, facendo leva sulla tensione che separa le due realtà (la base artica e la navicella spaziale) fino a un eventuale salvataggio.

Siamo comunque impazienti di vedere il film, sperando che riesca anche a raggiungere le sale, come era previsto, prima del rilascio sulla piattaforma. Promette bene anche il grande cast secondario, con David Oyelowo e Kyle Chandler.

Continua a seguire FRAMED anche su Facebook e Instagram

(Visited 60 times, 1 visits today)
Tag:, , Last modified: 9 Novembre 2020
Close