Home Rubriche Flashviews

Semaforo – Willie Peyote

Willie-Peyote
Willie-Peyote

L’omaggio cinematografico nel nuovo video di Willie Peyote “Semaforo”

Guardate il video del nuovo singolo di Willie Peyote e scoprite quale film omaggia…

Ricordate Luca Marinelli in Lo chiamavano Jeeg Robot e la sua indimenticabile performance di “Un’emozione da poco”?

“Per alcune inquadrature, stacchi e montaggi”, ammette lo stesso Peyote, “mi sono ispirato a uno dei miei film preferiti, Lo chiamavano Jeeg Robot“.

E in effetti, in un montaggio parallelo con scene colorate di ispirazioni pop, il rapper milanese si esibisce su una scenografia che sembra la stessa del film di Mainetti, muovendosi con simili trasportati e trasportanti gesti resi indimenticabili dal personaggio dello Zingaro.

Willie Peyote realizza un vero e proprio omaggio, quindi, che ci offre un’eloquente dimostrazione di come Lo chiamavano Jeeg Robot sia entrato ormai nell’immaginario collettivo italiano.

Continuate a seguire FRAMED su Facebook e Instagram.

Chiamatemi pure trentenne, giovane adulto, o millennial, se preferite. L'importante è che mi consideriate parte di una generazione di irriverenti, che dopo gli Oasis ha scoperto i Radiohead, di pigri, che dopo il Grande Lebowsky ha amato Non è un paese per vecchi. Ritenetemi pure parte di quella generazione che ha toccato per la prima volta la musica con gli 883, ma sappiate che ha anche pianto la morte di Battisti, De André, Gaber, Daniele, Dalla. Una generazione di irresponsabili e disillusi, cui è stato insegnato a sognare e che ha dovuto imparare da sé a sopportare il dolore dei sogni spezzati. Una generazione che, tuttavia, non può arrendersi, perché ancora non ha nulla, se non la forza più grande: saper ridere, di se stessa e del mondo assurdo in cui è gettata. Consideratemi un filosofo - nel senso prosaico del termine, dottore di ricerca e professore – che, immerso in questa generazione, cerca da sempre la via pratica del filosofare per prolungare ostinatamente quella risata, e non ha trovato di meglio che il cinema, la musica, l'arte per farlo. Forse perché, in realtà, non esiste niente, davvero niente  di meglio.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version