Il Festival dell’Eccellenza al Femminile – in collaborazione con il Teatro Nazionale di Genova lancia tra le 16 e le 21.30 di martedì 16 febbraio una maratona non stop sulle pagine Facebook di Eccellenza al Femminile, Teatro Nazionale Genova e Mentelocale.it.

Ventitre donne autorevoli del mondo dello spettacolo raccontano le loro esperienze come dirigenti e le loro conquiste. A presentare e condurre l’evento in diretta streaming dal palco del Teatro Ivo Chiesa sarà il direttore del festival Consuelo Barilari con le giornaliste Erica Manna (Repubblica e Good Morning Genova), Laura Santini (Mentelocale.it) e Silvana Zanovello (Secolo XIX).

La XVI edizione del Festival dell’Eccellenza al Femminile torna in campo con un nuovo progetto articolato in quattro eventi a scadenza mensile (da febbraio a maggio) intitolato Fattore D – Donne nel Nuovo Rinascimento. L’importanza del Teatro e del Cinema.

Il primo appuntamento è una maratona online tutta al femminile dedicata alle esperienze e alle conquiste delle donne nello showbusiness. Un confronto pubblico che vorrebbe dare forza alle nuove linee progettuali di genere in grado di innescare trasformazioni per il piano “nextgeneration” e il rilancio in tempi rapidi dello Spettacolo.

Tra le ospiti in collegamento ci saranno attrici come Gaia Aprea, artiste che ricoprono ruoli dirigenziali come Daniela Ardini (regista e Dir. Lunaria Teatro), Micaela Casalboni (attrice e co-Dir. Teatro dell’Argine), Lucia Franchi (drammaturga e Dir. Kilovatt Festival), manager come Patrizia Coletta (Dir. Fondazione Toscana Spettacolo), Mimma GallinaAnnastella Giannelli (Dir. organizzativa di Officine Papage), Rita Maffei (regista e Dir. Teatro Stabile di Innovazione del Friuli-Venezia Giulia) e nomi del giornalismo di settore come Anna Bandettini (già vicecaporedattore spettacoli di Repubblica), Claudia Cannella (Dir. di Hystrio), Angiola Codacci Pisanelli (già caposervizio cultura dell’Espresso) e molte altre.

Maggiori info su: www.eccellenzalfemminile.it

Continua a seguire il teatro con FRAMED anche su Facebook Instagram.

Nata nella terra dove il fuoco dell’Etna incontra il limpido Mar Mediterraneo, l’arte è da sempre la mia passione, in tutte le sue declinazioni. Da piccola mi piaceva leggere, guardare film di ogni genere, scrivere racconti e poesie, girare per musei, ma è solo varcando per la prima volta la porta di un teatro che ho capito la mia vocazione. “Crescendo e cercando”, ho scelto di frequentare il corso di laurea in scienze della comunicazione. Nel frattempo il teatro mi ha nutrito e ha occupato tutto il mio tempo libero. Decisi di fruirne a 360 gradi, non solo “facendolo” studiando in un’accademia e portando in giro per l’Italia spettacoli con diverse compagnie, ma anche vedendolo, vivendolo da spettatrice e, con il tempo, da redattrice. Finita la triennale non ebbi dubbi: emigrai in quel di Bologna per specializzarmi al Dams e iniziai a collaborare con diverse testate giornalistiche, venendo ospitata in vari festival e convegni. L’arte cambia con la società e ci si specchia dentro. Il teatro ne coglie gli umori, e li trasferisce al pubblico nel celeberrimo qui e ora che non teme (perché non ha) paragoni con nient’altro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui