Lulu Wang Miami Film Festival
Lulu Wang

Lulu Wang – Photo Credit: Miami Film Festival

Durante la scorsa stagione cinematografica Lulu Wang ha catturato la nostra attenzione con il suo delicato e nostalgico The Farewell – Una bugia buona. Primo grande successo internazionale della regista, tratto da un suo racconto autobiografico. Secondo un’esclusiva dell’Observer, il suo prossimo progetto sarà un remake di alto profilo. Wang, infatti, dirigerà un adattamento in lingua inglese di Like Father, Like Son, di Hirokazu Kore-eda.

Il film originale ha debuttato a Cannes nel 2013, diventando immediatamente uno dei film più significativi degli ultimi anni. Come molte opere giapponesi, tuttavia, ha una forte impronta identitaria e culturale che segna anche il senso della trama. In questo senso un remake appare quindi un’operazione già molto difficile in partenza. Se aggiungiamo che Lulu Wang è cinese, naturalizzata statunitense, la questione culturale diventa ancor più delicata.

Non sappiamo come verrà ripensata questa storia di paternità e di rapporto genitore-figlio in un contesto così diverso. O soprattutto come verrà raccontata dal punto di vista femminile, dato che sia regia che sceneggiatura sono affidate a due donne. A sviluppare il progetto sarà infatti l’affermata autrice teatrale, Sarah Ruhl, ben due volte finalista del premio Pulitzer per la drammaturgia. Una cosa è certa, comunque, e cioè che il film aspira a lasciare una grande impronta nella prossima stagione, qualunque sarà il rapporto con l’opera originale.

Segui FRAMED su Facebook, Instagram e Twitter

Classe 1993, sono praticamente cresciuta tra Il Principe di Bel Air e le Gilmore Girls e, mentre sognavo di essere fresh come Will Smith, sono sempre stata più una timida Rory con il naso sempre fra i libri. La letteratura è il mio primo amore e il cinema quello eterno, ma la serialità televisiva è la mia ossessione. Con due lauree umanistiche, bistrattate da tutti ma a me molto care, ho imparato a reinterpretare i prodotti della nostra cultura e a spezzarne la centralità dominante attraverso gli strumenti forniti dai Cultural Studies.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui