Incroci Sentimentali, distribuito da Europictures.
Incroci Sentimentali, distribuito da Europictures.

La regista Claire Denis torna ad affascinare con il suo nuovo film: Incroci Sentimentali (Avec amour et acharnement), vincitore dell’Orso d’Argento al Festival di Berlino 2022.

Sinossi

Una coppia apparentemente felice, formata da Sara e Jean (Juliette Binoche e Vincent Lindon), convive a Parigi e si ama da ben nove anni. Ancora uniti da una forte passione, i due vivono la loro serena quotidianità che, però, presto verrà destabilizzata dall’incontro tra la donna e il suo ex di nome François (Grégoire Colin). Proprio lui le presentò Jean (il suo attuale compagno) e di conseguenza venne lasciato senza indugio da Sara.

La libertà femminile della mente e del corpo

L’essenza di tali “incroci sentimentali” si radica nella transustanziazione dei sentimenti carnali e ossessivi delle vite dei protagonisti. Il film ha lo scopo di annullare i soliti e banali cliché sul triangolo amoroso, innovando il lato soccombente del Mondo femminile.

Se nella relazione a tre la donna è comunemente costretta a subire inerme l’amore e le scelte dei due uomini, nella reinterpretazione di Claire Denis sono quest’ultimi a dover sottostare all’uragano sentimentale di Sara. Ed è proprio per questa disamina che il film può considerarsi un’encomiabile rappresentazione della libertà femminile. Essa viene mostrata sotto ogni forma: quotidiana, lavorativa, emotiva e sessuale.

Un arbitrio mentale, ma soprattutto fisico, che convoglia la massima scelta di donare il proprio corpo a “chi” e “quando” lo si desidera.

Un gioco pericoloso, tanto quanto eccitante, determinato eccezionalmente dalla sfera femminile. A questo il tipico maschio alfa, questa volta, non può sottrarsi, facendosi trasportare necessariamente dal flusso degli eventi.

L’originalità di questo groviglio passionale non si snoda solamente riguardo alla libertà della donna, ma restituisce anche un aspetto compassionevole dell’uomo, che deriva dalla sua stessa natura, fin troppe volte condannata a una virilità inscalfibile e insana. Le lacrime, la disperazione e la rassegnazione di Jean, nel momento in cui scopre di essere stato tradito, caratterizzano una mascolinità atipica, tenera e indifesa. Una mascolinità che chiede umilmente di essere riconosciuta e compresa.

Le pulsioni e l’amore: sono salvezza e distruzione

Le interpretazioni di Juliette Binoche, Vincent Lindon e Gregorie Colin sono molto intense. Restituiscono con profonda onestà determinati stati d’animo, che vengono coinvolti nel pieno capovolgimento dei ruoli, per i quali spetta alla donna, stavolta, accogliere tra le braccia il suo uomo affranto dalle pene d’amore.

Durante le scene finali del film la regista dona una doppia chiave di lettura al pubblico, che si aggrappa alla forza dirompente, ma anche distruttiva, dei sentimenti e delle pulsioni amorose. L’amore e le sue sfaccettature sono in grado di salvare ed annullare al contempo l’identità umana.

Incroci Sentimentali è in sala dal 17 novembre.

Segui FRAMED anche su Facebook e Instagram.

Annamaria Martinisi Author FRAMED Magazine
Sono il risultato di un incastro perfetto tra la razionalità della Legge e la creatività del cinema e la letteratura. La mia seconda vita è iniziata dopo aver visto, per la prima volta, “Vertigo” di Hitchcock e dopo aver letto “Le avventure di Tom Sawyer” di Mark Twain. Mi nutro di conoscenza, tramite una costante curiosità verso qualunque cosa ed il miglior modo per condividerla con gli altri è la scrittura, l’unico strumento grazie al quale mi sento sempre nel posto giusto al momento giusto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui