Disco-ruin-collage
Disco ruin - Francesca Zerbetto, Lisa Bosi

Scritto e diretto da Lisa Bosi e Francesca Zerbetto, il film documentario sui 40 anni di di club culture Disco Ruin, in sala per 3 giorni.

40 anni di club culture italiana vengono rappresentati in Disco Ruin, un turbine visivo e narrativo inclusivo e visionario. Fatto di storia e musica che cambia di decade in decade. Di aggregazione in grandi architetture in cui perdersi per poi ritrovarsi, o viceversa, a libera scelta degli avventori della notte. Dall’inaugurazione del Piper a Roma fino alla fase discendente degli anni ’90, dove allo charme optical si sostituivano influenze post industriali.

Il documentario ripercorre la realtà parallela dei locali come alternativa per sopravvivere alla normalità destabilizzante del mondo quotidiano. Lo fa mostrando i luoghi ormai abbandonati e in rovina, quasi alieni e futuristici, del passato di un movimento gigantesco come quello del clubbing.

L’avanguardia parte da un dj set

Attraverso una moltitudine di testimonianze e interviste (tra Claudio Coccoluto, Albertino e tanti altri), materiali d’epoca e fotografie “rubate”, lo sguardo viene rapito dalla suggestione magica e paranormale del fascino di un mondo libero dalle convenzioni.

Nei luoghi quasi sacri dei club e delle discoteche l’avanguardia e la liberalizzazione delle droghe e del sesso partecipano ad un rivoluzione sotterranea. Tutto sfocia come magma creativo nella musica “nuova”, nell’arte e nella performance, nel teatro e in passerella. La sfavillante atmosfera di una cultura in fermento cresce assieme alla fama dei DJ, che, come sacerdoti armati di dischi, muovono a tempo i corpi di migliaia di adepti.

Brani tratti da Fluo di Isabella Santacroce, Rimini, Altri libertini e Un weekend postmoderno di Pier Vittorio Tondelli, Generazione in ecstasy di Fabrizia Bagozzi, si amalgamano alle immagini, come parole descrittive per un flusso difficile da catalogare.

Disco Ruin travolge come un “trip” psichedelico fatto di suono e ricordo. Anche chi non conosce la scena protagonista farà fatica a non rimanerne profondamente affascinato e travolto. Trovate la lista delle sale dove verrà proiettato qui.

Continua a seguire FRAMED anche su Instagram Telegram.

Ho una passione smodata per i film in grado di cambiare la mia prospettiva, oltre ad una laurea al DAMS e un’intermittente frequentazione dei set in veste di costumista. Mi piace stare nel mezzo perché la teoria non esclude la pratica, e il cinema nella sua interezza merita un’occasione per emozionarci. Per questo credo fermamente che non abbia senso dividersi tra Il Settimo Sigillo e Dirty Dancing: tutto è danza, tutto è movimento. Amo le commedie romantiche anni ’90, il filone Queer, la poetica della cinematografia tedesca negli anni del muro. Sono attratta dalle dinamiche di genere nella narrazione, dal conflitto interiore che diventa scontro per immagini, dalle nuove frontiere scientifiche applicate all'intrattenimento. È fondamentale mostrare, e scriverne, ogni giorno come fosse una battaglia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui