Alessio Tommasoli

Chiamatemi pure trentenne, giovane adulto, o millennial, se preferite. L'importante è che mi consideriate parte di una generazione di irriverenti, che dopo gli Oasis ha scoperto i Radiohead, di pigri, che dopo il Grande Lebowsky ha amato Non è un paese per vecchi. Ritenetemi pure parte di quella generazione che ha toccato per la prima volta la musica con gli 883, ma sappiate che ha anche pianto la morte di Battisti, De André, Gaber, Daniele, Dalla. Una generazione di irresponsabili e disillusi, cui è stato insegnato a sognare e che ha dovuto imparare da sé a sopportare il dolore dei sogni spezzati. Una generazione che, tuttavia, non può arrendersi, perché ancora non ha nulla, se non la forza più grande: saper ridere, di se stessa e del mondo assurdo in cui è gettata. Consideratemi un filosofo - nel senso prosaico del termine, dottore di ricerca e professore – che, immerso in questa generazione, cerca da sempre la via pratica del filosofare per prolungare ostinatamente quella risata, e non ha trovato di meglio che il cinema, la musica, l'arte per farlo. Forse perché, in realtà, non esiste niente, davvero niente  di meglio.
Advertismentspot_img

Chris Cornell: il silenzio che ha annichilito il colpo di fucile del grunge

L’assordante silenzio di una corda che si stringe attorno alla gola: ecco il solo rumore che riesce ad annichilire il frastuono di un colpo di fucile. Quello che rimbombava dal lontano 1994...

Un diluvio di veleno, il romanzo Southern Gothic di Jordan Farmer

Esce oggi in tutte le librerie Un diluvio di veleno di Jordan Farmer, edito da Jimenez Edizioni. Siamo nel West Virginia, alle pendici di quei monti Appalachi dove l’uomo riesce a disperdersi davvero...

Syd Barrett e il suo lungo addio

Gennaio 1968, Londra. Roger Waters, Richard Wright, Nick Mason s’incontrano di buon ora a Regent Street, di fronte alla facoltà di architettura del Politecnico di Londra. Il posto dove si sono conosciuti...

Una pioggia di farfalle bianche sui Rolling Stones: l’autentico funerale di Brian Jones

Rolling Stones - Brian Jones (A&BC Chewing Gum Cards)" by Bradford Timeline su licenza CC BY-NC 2.0 È il 5 luglio. Londra è soffocata da una pesante cappa di umidità alla quale si cerca di sopravvivere,...

“Sesso più, sesso meno”, quando parliamo attraverso il silenzio del corpo

Si dice che il silenzio valga molto più di qualsiasi parola. Banale, ma vero. Soprattutto quando in mezzo ci sono tante, troppe parole inutili.  È allora che si capisce quanto contino i gesti,...

Parliamo di blues: da Robert Johnson ai Blues Brothers e John Lee Hooker

Da Robert Johnson ai Blues Brothers, passando per John Lee Hooker: la traiettoria "sbilenca" del blues

Bella Ciao – La storia oltre il mito: un documentario segue il canto di resistenza e la sua corruzione

Bella Ciao la canzone italiana che più ha risuonato nel mondo diventa un documentario coprodotto da Palomar DOC e Rai Documentari con il titolo Bella Ciao – La storia oltre il mito La Storia...

Estate ’85 – L’importanza dei Cure nel nuovo film di François Ozon

C'è una regola non scritta nel cinema, quasi un comandamento tacito: non pensare mai di fare un bel film da un bel romanzo. François Ozon l'ha infranto con Estate '85 (Été 85),...

Alessio Tommasoli

Chiamatemi pure trentenne, giovane adulto, o millennial, se preferite. L'importante è che mi consideriate parte di una generazione di irriverenti, che dopo gli Oasis ha scoperto i Radiohead, di pigri, che dopo il Grande Lebowsky ha amato Non è un paese per vecchi. Ritenetemi pure parte di quella generazione che ha toccato per la prima volta la musica con gli 883, ma sappiate che ha anche pianto la morte di Battisti, De André, Gaber, Daniele, Dalla. Una generazione di irresponsabili e disillusi, cui è stato insegnato a sognare e che ha dovuto imparare da sé a sopportare il dolore dei sogni spezzati. Una generazione che, tuttavia, non può arrendersi, perché ancora non ha nulla, se non la forza più grande: saper ridere, di se stessa e del mondo assurdo in cui è gettata. Consideratemi un filosofo - nel senso prosaico del termine, dottore di ricerca e professore – che, immerso in questa generazione, cerca da sempre la via pratica del filosofare per prolungare ostinatamente quella risata, e non ha trovato di meglio che il cinema, la musica, l'arte per farlo. Forse perché, in realtà, non esiste niente, davvero niente  di meglio.