Dante e il Cinema - Gremese Editore

Gremese Editore celebra i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta con un volume dedicato al binomio prolifico tra Dante e il cinema. L’autore, Paolo Speranza, docente di letteratura e storico del cinema, è il direttore della rivista «Cinemasud» e collabora con periodici nazionali e riviste culturali italiane ed europee. In questa monografia Speranza ripercorre tutte le declinazioni cinematografiche della vita e dell’opera di Dante. L’ analisi filmica attraversa tutte le coordinate temporali (dal cinema muto al sonoro) e geografiche (dal cinema italiano, francese e tedesco fino a quello hollywoodiano).

Dante e il cinema - Paolo Speranza (Gremese Editore)
Dante e il cinema – Paolo Speranza (Gremese Editore)

L’autore analizza i film (molti dei quali perduti) sulla base della contestualizzazione dell’opera di Dante, seguendo l’evoluzione artistica e tecnica del cinema. A livello tematico, le riduzioni cinematografiche della prima cantica (l’Inferno) e ai film ispirati alle straordinarie figure femminili della Divina Commedia hanno un ruolo centrale. Un aspetto interessante è la menzione di tanti progetti cinematografici, come quelli di Pasolini e Fellini, annunciati e mai realizzati.

Il saggio uscirà in libreria a settembre 2021. Continuate a seguire Framed Magazine anche su Instagram e Telegram, ne riparleremo prossimamente!

Nata sotto il segno dei Gemelli il che significa che in me convivono tutto e il contrario di tutto: la letteratura (dalla medievale alle contemporanea), il cinema, il teatro, le serie tv, i fumetti, l'opera, le arti visive e i programmi trash del palinsesto di Real Time. Scrivo di tutto perché «homo sum, humani nihil a me alieno puto»; con un approccio intersezionale e di genere perché credo che le prospettive di tutti e tutte hanno un valore, anche se non ci riguardano personalmente. Il curriculum vitae dice che faccio il dottorato in America, ma non è niente di serio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui