Written by 12:16 Letture

Figlie della luna – Il libro di STÉPHANIE LAFRANQUE e VIC OH

figlie della luna-Gremese

Figlie della luna, edito da Gremese, è un manuale per riconnettersi alle fasi lunari e per ritrovare il proprio equilibrio interiore.

Un volume che racchiude l’analisi della ciclicità della luna e che la applica alla naturale ciclicità della donna. Figlie della luna è dichiaratamente dedicato alle lettrici, ma se lo si legge fino all’ultima pagina è possibile trovare un messaggio che va ben oltre il sesso.

Le autrici

Dietro alla costruzione del libro vi sono due voci femminili: Stéphanie Lafranque, autrice delle parole, e Vic Oh, che cura le illustrazioni che intervallano i testi.

Lafranque si lascia ispirare da due grandi donne che hanno segnato il suo percorso: Clarissa Pinkola Estès, psicanalista autrice di Donne che corrono coi lupi, fondamentale per l’incoraggiamento a seguire il proprio istinto, e l’ecofemminista e saggista americana Miriam Simos, meglio conosciuta come Starhawk.

Nelle illustrazioni dell’artista metà francese e metà peruviana, Vic Oh, ci sono ispirazioni di arte naïf, commistioni di tratti semplici e colori forti per evocare la bellezza di un’estetica ancestrale. La forza femminile viene fissata dai suoi disegni e si sprigiona attraverso le composizioni e gli elementi propri di un immaginario mistico.

Figlie della luna – STÉPHANIE LAFRANQUE e VIC OH

Cosa significa “allinearsi alla luna”?

Sembra il risultato di un rito magico, e sfogliando le pagine si ha l’impressione che l’opera esorti a compiere azioni che appaiono come incantesimi per l’anima. L’obiettivo più profondo del libro è proporre un metodo per ritrovare un potere che va al di là della società “tangibile” che detta i tempi e i modi della vita di tutti i giorni. Lanciare un messaggio che possa servire come primo passo verso una rinascita per tornare ad essere al centro di tutto, e non relegate a co-protagoniste. Questo è possibile solo riacquistando consapevolezza di un potere innato e abituarsi ad ascoltarsi per capirne la portata.

L’autrice ripercorre la storia dei culti lunari e i diversi linguaggi creati per stabilire un dialogo con la scia di luce notturna ricca di fascino. Dal culto della Grande Dea ai cambiamenti successivi all’avvento della scrittura. Descrive il momento in cui il patriarcato si sostituisce al matriarcato. L’ascesa del Sole come astro “maschile”, e la Luna che inizia ad essere rappresentata come portatrice di una luce meno potente.

Da qui l’emarginazione, la connotazione negativa della femminilità libera di esprimersi, la definizione del selvaggio femminile come “strega”. L’attualità che si riflette nelle insicurezze, con la chiusura alla possibilità di un’evoluzione stroncata dalla posizione subalterna non scelta, non voluta.

Ritrovarsi

Figlie della luna parla di ciclo mestruale, disintegrando un tabù contemporaneo e associandolo ad una trasformazione che non ricade solo sul femminile, ma su ogni meccanismo vitale. Forse è proprio abbattendo la paura instillata dall’esterno che è possibile vivere più consapevolmente e partecipare ad una rivoluzione già in atto.

E allora il lavoro di Lafranque e Vic Oh non appare più come un libro di incantesimi, ma come una guida da tenere accanto. Una lettura in grado di destare da un torpore dovuto alla mancata connessione con ciò che l’opinione comune definisce spaventoso, poiché sconosciuto.

Ulteriori informazioni sulla casa editrice Gremese sono disponibili sul sito ufficiale. Continuate a seguirci su FRAMED!

(Visited 41 times, 1 visits today)
Tag:, , , , , , Last modified: 1 Giugno 2021
Close