Solo limoni - Giacomo Verde - verdegiac.org
Solo limoni - Giacomo Verde - verdegiac.org

Nel 2001 a Genova c’era anche Giacomo Verde, come tanti, con la sua videocamera. Il suo racconto di quei giorni inizia però da una fotografia, inquadrata come si mostrano gli album di famiglia, i ricordi importanti. Il nostro sguardo si avvicina e si allontana, mentre cerchiamo di scorgere tra le due figure immortalate, quella di Verde stesso, che – come racconta la voice over di Lello Voce – scappa dai fumogeni.

Era impossibile riprendere tutto quello che accadde in quei giorni, ma almeno si può provare ad ascoltarne le testimonianze dirette. Verde ci ha provato appunto con questo montaggio, un mediometraggio in 13 episodi, che raramente viene menzionato ma che fa parte di diritto del cinema politico italiano. Proprio per la difficoltà del tema, tuttavia, si tratta di un documentario anomalo, frammentato e frammentario. Basti pensare ai pochi secondi del primo episodio: i tre cecchini. Non serve nemmeno inquadrarli. È sufficiente la breve risposta di chi si è visto espropriare il terrazzo dai tre militari per iniziare a respirare la pesante aria di quel luglio.

Il documentario poetico di Verde

In un certo senso, allora, si potrebbe definire un documentario ermetico. E la citazione iniziale dell’odore di limoni di Montale non sembra più così casuale. Anche se, come noto, i limoni del titolo sono quelli usati per pulire gli occhi dalle sostanze dei fumogeni. Un titolo così evocativo, tuttavia, rappresenta pienamente la natura di Solo limoni. Un video che racchiude in sé molto più di quel che mostra e afferma. Eppure, mostra e afferma molto più di quel che solitamente si racconta dei fatti di Genova.

Le immagini nella mente di chi, come me, quei giorni li ha vissuti solo attraverso la TV, con gli occhi di bambina, fanno paura e non si cancellano facilmente. Purtroppo, fino alla scoperta di Solo limoni, dentro un’aula universitaria, sono state anche le uniche immagini facilmente reperibili. Insieme servono adesso, con occhi adulti, per rimodulare quella paura, indirizzarla diversamente e guardare più a fondo.

Giacomo Verde, grande videoartista italiano, è scomparso lo scorso anno. Ha lasciato Solo limoni libero da copyright, vi invitiamo a cercarlo e a guardarlo, soprattutto in questi giorni.

Continua a seguire FRAMED anche su Instagram e Telegram.

Classe 1993, sono praticamente cresciuta tra Il Principe di Bel Air e le Gilmore Girls e, mentre sognavo di essere fresh come Will Smith, sono sempre stata più una timida Rory con il naso sempre fra i libri. La letteratura è il mio primo amore e il cinema quello eterno, ma la serialità televisiva è la mia ossessione. Con due lauree umanistiche, bistrattate da tutti ma a me molto care, ho imparato a reinterpretare i prodotti della nostra cultura e a spezzarne la centralità dominante attraverso gli strumenti forniti dai Cultural Studies.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui