Spencer in sala a gennaio

Uno dei motivi per amare gennaio è l’arrivo di gran parte dei grandi titoli in sala. Si inizia a entrare nel vivo della stagione cinematografica.

Matrix Resurrections – Regia di Lana Wachowski

Lana Wachowski ha di recente affermato di aver sentito il bisogno di tornare a casa, da Neo e Trinity, dopo una serie di eventi che l’avevano fatta sentire persa. Viviamolo allora così, con lo stesso spirito, questo quarto capitolo della saga, già tanto chiacchierato, ma prezioso per i fan. A questo link potete leggere la recensione. In sala dal 1° gennaio.

Un eroe – Regia di Asghar Farhadi

Il già due volte Premio Oscar Asghar Farhādi torna nel panorama internazionale con Un eroe (Grand Prix a Cannes insieme a Scompartimento n.6). Un film autoriale, difficile da incasellare in un genere o in una definizione. Una commedia umana incentrata sull’equivoco e sull’ambiguità di un meraviglioso protagonista, che dal primo all’ultimo minuto potrebbe essere la persona più buona e ingenua del mondo o la più cinica e calcolatrice. In sala dal 3 gennaio.

La crociata – Regia di Louis Garrel

Garrel si cimenta nel cinema attivista con questo breve film (poco più di un’ora) dedicato all’emergenza climatica e all’ambiente. L’idea vincente è averlo pensato attraverso il punto di vista di un bambino che educa i propri genitori (Garrel stesso e Laetitia Casta). In sala dal 5 gennaio.

The King’s Man – Le origini – Regia di Matthew Vaughn

Quando i peggiori tiranni e menti criminali della storia si riuniscono per dare inizio a una guerra, c’è chi dovra correre con il tempo per fermarli. Nasce così il racconto delle origini di King’s Man e la prima agenzia di intelligence indipendente. In sala dal 5 gennaio.

America Latina – Regia dei Fratelli D’Innocenzo

Atteso film di Damiano e Fabio D’Innocenzo, presentato a Venezia 78 ma poi taciuto per mesi, su richiesta degli stessi registi. Un thriller tutto da scoprire, con Elio Germano di nuovo grande protagonista dopo Favolacce. In sala dal 13 gennaio.

Gli Stati Uniti contro Billie Holiday – Regia di Lee Daniels

Questo è un titolo della scorsa stagione, rimandato così tante volte in sala che ormai stavamo perdendo le speranze. Andra Day, Golden Globe per questo ruolo, interpreta la grande e meravigliosa Billie Holiday in un momento particolare della sua vita. La vicenda è infatti quella della persecuzione politica a danno della cantante (soprattutto dopo la registrazione di Strange Fruit) portata avanti attraverso il celebre processo per droga. In sala il 13 gennaio.

Una famiglia vincente – King Richard – Regia di Reinaldo Marcus Green

Will Smith ritenta la strada verso gli Oscar e per ora sembra andare bene, con la nomination ai Golden Globes già assicurata. I biopic sportivi, inoltre, riescono sempre ad attrarre particolare attenzione a Hollywood e questo ancora di più: Smith interpreta infatti Richard Williams, leggendario allenatore (e padre) di Serena e Venus. In sala dal 13 gennaio.

Spencer – Regia di Pablo Larraín

Ne sentiamo parlare da Venezia 78 ma mentre al Lido è passato in sordina, negli Stati Uniti l’hanno amato, al punto da ridefinire per sempre la carriera di Kristen Stewart. Finalmente tra poco potremo scoprire questa nuova versione di Lady Diana. In sala dal 20 gennaio.

Ennio – Regia di Giuseppe Tornatore

Documentario sull’indimenticato e indimenticabile Maestro, Ennio Morricone. Un omaggio al cinema dal cinema, non solo attraverso la regia di Tornatore ma grazie anche alle testimonianze e ai ricordi di tante grandi personalità che l’hanno amato. In sala dal 27 gennaio.

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley – Regia di Guillermo Del Toro

Torna finalmente Guillermo del Toro e lo fa con un grande cast, da Rooney Mara e Cate Blanchett a Bradley Cooper. Protagonista un giostraio ambizioso e manipolatore che si innamora di una psichiatra, ben più pericolosa di lui. In sala dal 27 gennaio.

Open Arms La legge del mare – Regia di Marcel Barrena

Non un documentario sulla nascita dell’omonima ONG ma un vero e proprio film che racconta con ancora più pathos e urgenza l’importanza dell’unica legge del mare: non lasciare indietro nessun uomo.

Lista in aggiornamento. Continaute a seguirci su FacebookInstagram e Telegram per saperne di più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui